La Storia

La Storia

La Storia della chiesa

  La chiesa e il convento esistevano gia prima della costruzione della città di Sarzana.Si parla già dei Francescani a…

More...
Omelie Don Renzo YouTube

Omelie Don Renzo YouTube

Tutte le omelie di Don Renzo Della Santa Messa Domenicale

More...
PICCOLO MIRACOLO CHIESTO DA DON RENZO

PICCOLO MIRACOLO CHIESTO DA DON RENZO

Varie

Tagline

  IL PICCOLO MIRACOLO CHIESTO DA DON RENZO   Oggi Domenica 7 Dicembre 2014 Don Renzo Durante L'omelia della Santa…

More...
Don Renzo Lascia la Parrocchia

Don Renzo Lascia la Parrocchia

Varie

Tagline

Cari amici, Avremmo voluto che questo giorno non arrivasse mai. Quando si ha la grazia di incontrare uomini di Dio,…

More...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Pagina Ufficiale

Powered by Supremo Hosting

SAN GIUDA TADDEO 28 OTTOBRE STORIA E ROSARIO

SAN GIUDA TADDEO APOSTOLO

 

Il santo che si festeggia oggi assieme a Simone «il cananeo», pur appartenendo al gruppo dei 12 apostoli, non va confuso con l'omonimo apostolo traditore di Gesù, l'Iscariota. Si tratta infatti di Giuda fratello di Giacomo, detto Taddeo, che significa «magnanimo». Un nome ben conosciuto dalla tradizione ebraica quello di Giuda: era stato, infatti, di uno dei figli di Giacobbe e dalla tribù di Giuda sarebbe uscita la stirpe dello stesso Messia. Inoltre, nel secondo secolo avanti Cristo, Giuda Maccabeo era stato un eroe della rivolta giudaica contro Antioco IV. Secondo il racconto dell'evangelista Giovanni al capitolo 14 durante l'ultima cena Giuda Taddeo domanda a Gesù: «Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi e non al mondo?». «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui», è la risposta di Gesù. Dopo l'Ascensione, anche Giuda Taddeo, secondo la tradizione, andò a portare nel mondo l'annuncio di Cristo. Secondo qualcuno, egli avrebbe evangelizzato la Mesopotamia; secondo altri la Libia. Forse anch'egli è morto martire e sarebbe stato sepolto in Persia.

San Giuda non va confuso con l'omonimo Apostolo traditore, Giuda Iscariota, il " figlio della perdizione ". Quello di oggi è Giuda fratello di Giacomo, detto Taddeo, cioè " dal petto largo ", che vuol dire poi " magnanimo ". Il nome di Giuda, prima che l'infelice traditore lo rendesse odioso, era uno dei più belli nella storia ebrea. Era stato portato da uno dei figli di Giacobbe, o Israele, e a Giuda si intitolò una delle dodici Tribù, quella dalla quale sarebbe fiorito, in Betlemme, terra di Giuda, il virgulto del Messia. Giuda Maccabeo, eroe della rivolta giudaica contro Antioco IV, e Giuda detto il Santo, maestro per eccellenza, avevano reso onore a quel nome, come gli rese onore l'Apostolo San Giuda, detto Taddeo, che possiamo immaginare alla mensa dei Redentore, proprio accanto al suo omonimo Giuda Iscariota. Egli domanda a Gesù: " Signore, che cosa è avvenuto, che tu debba manifestarti a noi e non al mondo? ". E Gesù gli risponde: " Se uno mi ama, osserverà la mia parola, e il Padre mio l'amerà e verremo a lui, e faremo una cosa sola ". E’ la lezione dell'amore mistico, che Giuda Taddeo provoca con la sua domanda. L'amore di Dio unisce, mentre l'amore di se stessi divide. Per questo, San Giuda scrisse una breve lettera, nella quale rimprovera i fomentatori di discordie, che chiama " nuvole senza acqua, portate qua e là dai venti; alberi d'autunno, senza frutto, onde furiose del mare, che spumano le proprie turpitudini. astri erranti, ai quali sono serbate in eterno le tenebre più profonde ". " Costoro - egli dice - sono mormoratori queruli che vivono secondo i loro appetiti, e la loro bocca parla di cose superbe, e se lodano qualcuno, lo fanno per fini interessati ". La breve lettera di Giuda, che fu giudicata " piena della forza e della grazia dei cielo ", ci fa intravedere la figura di San Giuda come maestro fermo e sapiente, che esercitò con zelo e con amore quella missione affidata da Gesù ai suoi Apostoli, prima di lasciare la terra per il cielo. Infatti, dopo l'Ascensione, anche Giuda Taddeo andò a portare nel mondo la Buona Novella. Secondo qualcuno, egli avrebbe evangelizzato la Mesopotamia; secondo altri la Libia. Si crede che morisse anch'egli Martire, e il suo corpo sarebbe stato sepolto in Persia.

FONTE:

http://www.sangiudataddeo.net/home.asp

 

 

 

Rosario devoto in onore di San Giuda Taddeo

 

È chiamato Rosario prodigioso perché per suo mezzo si ottengono grandi grazie nei casi disperati, sempre che quello che è chiesto serva a maggiore gloria di Dio ed al bene delle nostre anime. 

 

 

Si usa una normale corona del Rosario.

Rosario piccolo

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

 

Atto di dolore :

Mio Dio mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati perché peccando ho meritato i tuoi castighi e molto più perché ho offeso Te infinitamente buono e degno di essere amato sopra ogni cosa. Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato, Signore misericordia, perdonami.

 

Gloria al Padre :

Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen 

 

«Santi Apostoli, intercedete per noi» 

«Santi Apostoli, intercedete per noi» 

«Santi Apostoli, intercedete per noi» 

 

Sui 10 grani piccoli:

 « San Giuda Taddeo, soccorrimi in questa necessità »

(da recitare appunto 10 volte)

e concludere con un Gloria al Padre ognuna delle 5 decine

 

Sui 5 grani grossi:

 « Santi Apostoli intercedete per noi »

 

Si conclude recitando 

Credo :

Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili.

Credo in un solo Signore Gesù Cristo unigenito figlio di Dio nato dal Padre prima di tutti i secoli. Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre.

Per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto e il terzo giorno è resuscitato secondo le Scritture ed è salito al Cielo e siede alle destra del Padre e di nuovo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti ed il suo Regno non avrà fine.

Credo nello Spirito Santo che è Signore e dà la vita e procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre ed il Figlio è adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti.
Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica.
Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati e aspetto la resurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen   

 

Salve Regina :

Salve Regina, madre di misericordia, vita dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo noi esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi a piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

 

e la seguente Preghiera :

Santo prodigioso, glorioso San Giuda Taddeo, onore e gloria dell'apostolato, sollievo e protezione degli afflitti peccatori, io ti chiedo per la corona di gloria che hai nel cielo, per il singolare privilegio di essere parente prossimo del Nostro Salvatore e per l'amore che avevi alla Santa Madre di Dio, di concedermi quello che ti chiedo. Così come sono certo che Gesù Cristo ti onora e concede tutto, così possa io ricevere la tua protezione e sollievo in questa urgente necessità.

 

PREGHIERA CONCLUSIVA  ( da recitare nei casi disperati ) :

O glorioso San Giuda Taddeo, il nome del traditore che mise il suo adorabile Maestro nelle mani dei suoi nemici ha fatto sì che Tu sia dimenticato da parte di molti. Ma la Chiesa ti onora e ti invoca come avvocato delle cose difficili e dei casi disperati.

Prega per me, così miserabile; fa' uso, ti prego, di quel privilegio che il Signore ti concesse: di portare un aiuto rapido e visibile in quei casi nei quali non c'è quasi speranza. Fa' che in questa grande necessità io riceva, per tua mediazione, il sollievo e la consolazione del Signore e possa anche in tutti i miei dolori lodare Iddio.

Prometto di esserti grato e di diffondere la tua devozione per così essere, insieme a te, eternamente con Dio. Amen.

 

Fonte:

http://lucedidio.over-blog.it/article-28-ottobre-san-giuda-taddeo-novena-e-rosario-111029413.html

Share

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Biscotti utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information